Decreto del presidente del consiglio dei ministri (dpcm) 11 marzo 2020

Con un nuovo Decreto (DPCM 11 marzo 2020), il Presidente del Consiglio Conte ha disposto alcune ulteriori misure per l’emergenza coronavirus.

🚫 Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità, come individuati nell’allegato 1, sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali

🚫 Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari

🚫 Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering

🚫 Sono sospese le attività inerenti i servizi alla persona, come parrucchieri, barbieri, estetisti

✅ Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per la somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburante

✅ Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie, garantendo comunque la distanza interpersonale di sicurezza di almeno un metro

✅ Restano garantiti i servizi postali, bancari, finanziari e assicurativi, nonché l’attività nel settore agricolo

✅ Restano consentite le attività di lavanderia e tintoria, anche industriale, e i servizi di pompe funebri

Le industrie resteranno aperte, rispettando le necessarie misure di sicurezza.

A questo indirizzo, è possibile consultare il testo del Decreto: http://www.governo.it/sites/new.governo.it/files/DPCM_20200311.pdf

Audiosafety