E’ rischio interferenziale anche quello estraneo alle previsioni contrattuali ma prevedibile

Cassazione, sez. fer. pen., 24 settembre 2019 (ud. 20.8.19) n. 39072

(rif.norm.: artt. 26-100 d.lgs. n.81/08)

Deve affermarsi la responsabilità del datore di lavoro per l’infortunio occorso ad un suo dipendente nel prestare collaborazione a personale di altra impresa in relazione a lavori in rapporto di interferenza, svolti sul luogo, all’interno o in prossimità del cantiere, anche se al di fuori delle previsioni del contratto di appalto da lui stipulato, ed in difetto di una sua preventiva conoscenza in ordine a tale collaborazione, quando lo svolgimento di tali lavori era previsto o prevedibile in conseguenza delle opere effettuate dalla sua ditta. In questo caso, infatti, l’evento costituisce la concretizzazione di un rischio obiettivamente rilevabile in relazione all’esecuzione degli stessi, per cui avrebbero dovuto essere adottate misure effettive per evitarne la concretizzazione.Nella specie si era accertato che i lavori nell’esecuzione dei quali era avvenuto l’infortunio erano stati svolti sul luogo o comunque in strettissima prossimità del cantiere, ed erano in evidente rapporto di interferenza con quelli oggetto del contratto di appalto, posto che questi avevano comportato lo smontaggio dei pannelli prefabbricati di tamponatura del capannone, all’interno del quale si svolgevano le attività oggetto dell’appalto affidato e che, inoltre, tali ultime attività erano proseguite in concomitanza con quelle della società committente. Si accertava, inoltre, che l’esecuzione di lavori implicanti l’accesso al tetto del capannone era altamente prevedibile, perché soluzione pressoché inevitabile per poter realizzare una protezione contro le polveri derivanti dai lavori della società committente. Era, infine, fuori di discussione che il rischio di cadute dal tetto, per chi si recasse sullo stesso, a causa dello sfondamento dei lucernai, era evidente, data la consistenza strutturale in vetroresina di questi ultimi; l’infortunio aveva pertanto costituito una concretizzazione di questo rischio, mentre nessuna informazione era stata fornita, né alcuna precauzione era stata adottata per evitare eventi ricollegabili al rischio stesso.

Il testo integrale della sentenza è consultabile cliccando sul seguente link.

Audiosafety