Gli obblighi del datore di lavoro-committente nei cd. appalti interni

Cassazione, sez. IV pen., 29 ottobre 2018 (ud. 5.10.18) n. 49373

(rif. norm.: artt. 26-299 d.lgs. n.81/2008)

 

In materia di prevenzione, in base al principio di effettività assume la posizione di garante colui il quale di fatto si accolla e svolge i poteri del datore di lavoro, del dirigente o del preposto, anche se formalmente ha appaltato a terzi le opere che hanno dato origine all’infortunio. In particolare, ai sensi dell’art. 26 del d.lgs. n.81/2008, il datore di lavoro che abbia affidato lavori, servizi o forniture all’interno dell’azienda o dell’unità produttiva, ovvero in luoghi esterni di cui abbia comunque la disponibilità (purchè, in quest’ultimo caso, gli appalti siano funzionali al ciclo produttivo) è tenuto a cooperare all’attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sull’attività lavorativa e a coordinare gli interventi di prevenzione e protezione dai rischi cui sono esposti i lavoratori.

Il testo integrale della sentenza è consultabile cliccando sul seguente link.

Audiosafety