Il datore di lavoro ha l’obbligo di variare le mansioni del lavoratore se quelle in atto risultino incompatibili con il suo stato di salute

Cassazione, sez. IV pen., 16.09.2021, n. 34326 (ud. 19.05.2021)

(rif. norm: art. 2087 cod.civ.)

Si contestava al datore di lavoro ed al delegato alla sicurezza di avere colposamente adibito un lavoratore,in violazione dell’art. 2087 cod. civ., a mansioni di addetto alla cassa incompatibili con le sue condizioni di salute, caratterizzate da paralisi dell’arto superiore destro e del cingolo scapolo-omerale destro con distrofie cutanee da resezione del plesso brachiale destro e la resezione dell’arteria succlavia destra, con esiti cicatriziali deturpanti e con esiti psichici di contusione encefalica, cagionando così al predetto lesioni personali dalle qual derivava “sindrome ansioso-depressiva e sofferenza discale diffusa”. Si era accertato che il lavoratore aveva subito un peggioramento delle sue condizioni di salute a causa delle mansioni assegnategli di addetto alla cassa, con la comparsa di una sindrome “ansioso-depressiva”, accertata anche in sede di primo accesso al Pronto Soccorso.Tale sintomatologia di grado consistente era insorta successivamente alle difficoltà incontrate nell’ambiente di lavoro, e, nonostante le richieste del dipendente, che si era recato al pronto soccorso per l’aggravamento delle sue condizioni di salute a pochi giorni di distanza da una visita medica effettuata in azienda, e si era assentato dal lavoro per malattia, nessuna iniziativa era stata presa per porre fine a tale situazione, adibendo il dipendente ad una mansione diversa e compatibile con le sue condizioni psico-fisiche. Era stato dunque violato l’obbligo del datore di lavoro di tenere conto dell’esito delle visite mediche in caso di evidenziata patologia e di variare le mansioni del lavoratore nel caso di accertata incompatibilità con lo stato di salute. Tale violazione rileva sotto il profilo civilistico, ma può essere anche, come nel caso in esame, fonte di responsabilità penale nel caso in cui dalla mancata variazione delle mansioni derivi una malattia o un peggioramento significativo di quella in atto.

Il testo integrale della sentenza è consultabile cliccando sul seguente link.

 

.

 

.

 

Audiosafety