La responsabilità dei dirigenti scolastici

Cassazione, sez. IV pen., 12 settembre 2019 (ud. 4.4.19) n. 37766

(rif.norm.: art. 2 d.lgs. n.81/08)

La posizione di garanzia in capo agli addetti al servizio scolastico nei confronti dei soggetti affidati alla scuola si configura diversamente a seconda, da un lato, dell’età e del grado di maturazione raggiunto dagli allievi oltre che delle circostanze del caso concreto, e, dall’altro, degli specifici compiti di ciascun addetto, ma si caratterizza in generale per l’esistenza di un obbligo di vigilanza nei confronti degli alunni, al fine di evitare che gli stessi possano recare danno a terzi o a sé medesimi, o che possano essere esposti a prevedibili fonti di rischio o a situazioni di pericolo. In particolare, in tema di prevenzione infortuni nelle istituzioni scolastiche, soggetto destinatario dell’obbligo di sicurezza è il dirigente che abbia poteri di gestione. Nel caso di specie la Corte ha ritenuto che il dirigente scolastico, proprio in virtù di tali poteri, avrebbe potuto e, soprattutto, dovuto segnalare alla Provincia, proprietaria dell’immobile, le problematiche dell’istituto alla stessa affidato, ed in particolare la insicurezza del solaio per la presenza di aperture coperte da fragili lucernai, illustrando la situazione e chiedendo e sollecitando i conseguenti interventi strutturali. Ciò che, invece, non fu fatto, in quanto le richieste, pur in effetti inoltrate all’ente territoriale ed ad altri soggetti pubblici, non contenevano però alcuna menzione della problematica in questione, che non poteva ritenersi compresa in diciture estremamente generiche relative a “ringhiere”, a “terrazzi” e ad “adeguamento porte”, di sicurezza e non. E , dunque, proprio nell’errato inquadramento originario e nella inidonea gestione nel tempo del problema è stata rilevata la mancanza di prudenza e, dunque, la colpa della dirigente scolastica rispetto all’infortunio occorso ad uno studente dell’ultimo anno di liceo che, durante gli esami di maturità, dopo essere inciampato, era caduto su un lucernaio, sfondandolo e precipitando al suolo.

Il testo integrale della sentenza è consultabile cliccando sul seguente link.

Audiosafety