Le funzioni di garanzia dei coordinatori e la funzione di alta vigilanza

Cass., sez. IV pen., 04.03.2022, n. 7839 (ud. 11.11.2021)

(rif. norm.: artt. 91-92 d.lgs. n.81/2008)

Le due qualifiche di coordinatore per la progettazione e di coordinatore per l’esecuzione dei lavori possono essere anche rivestite dal medesimo soggetto, con conseguente sovrapposizione delle funzioni di redazione del piano di sicurezza e coordinamento e di applicazione di quest’ultimo. Si tratta di figure le cui posizioni di garanzia non si sovrappongono a quelle degli altri soggetti che rivestono posizioni di garanzia nel campo della sicurezza sul lavoro, affiancandosi ad esse per realizzare, attraverso la valorizzazione di una figura unitaria con compiti di coordinamento e controllo, la massima garanzia dell’incolumità dei lavoratori. Per tali figure è prevista una diretta responsabilità penale per il caso di inosservanza degli obblighi previsti. Alla figura del coordinatore per l’esecuzione spettano compiti di “alta vigilanza”, che non si traduce nel puntuale controllo, momento per momento, delle singole attività lavorative, essendo tale precipua modalità demandata ad altre figure operative quali il datore di lavoro, il dirigente, il preposto. L’alta vigilanza, lungi dal poter essere interpretata come una sorta di contrazione della posizione di garanzia, costituisce proiezione delle modalità con cui vanno adempiuti i doveri tipici previsti dalle disposizioni di legge in relazione alla funzione svolta dal coordinatore per la progettazione e per l’esecuzione. Mentre altre figure operative, prossime al posto di lavoro, hanno poteri­ doveri di intervento diretto ed immediato, il coordinatore è tenuto ad intervenire solo quando constati direttamente gravi pericoli ai sensi dell’art. 92, comma 1, lett. f), d. lg. n.81 del 2008. Il coordinatore ha, dunque, solo un ruolo di vigilanza in merito allo svolgimento generale delle lavorazioni e non è obbligato ad effettuare quella stringente e capillare sorveglianza che compete al datore di lavoro e ai suoi collaboratori.

Il testo integrale della sentenza è consultabile cliccando sul seguente link

Audiosafety